imood - design della comunicazione - vincenzo recchia

vincenzo recchia

Vincenzo Recchia nasce a Putignano nel 1973. Progettista innanzitutto, ma anche creativo, consegue nel 2001 la laurea triennale in Comunicazione Visiva presso l’Istituto Superiore di Design di Napoli, con il massimo dei voti. Subito dopo gli viene assegnata la cattedra di Progettazione multimediale e animazione bidimensionale dal 2001 al 2014.

Nel 2000 entra come Art Director junior nell’agenzia Hub Studio di Napoli, accreditata tra le migliori 10 agenzie di comunicazione in Italia.

Suo l’ultimo video nel 2002 per Almamegretta, responsabile del soggetto e sceneggiatura, sempre nel 2002 realizza il video “daktacourt” per Leafcutter John, dj di Bjork.

Nel 2003 si occupa della grafica per il video “rose rosse” di Nous, collettivo formato da Meg e Marco Messina.

Nel 2003, insieme ad altri ragazzi pugliesi, decide di creare un contenitore culturale per la Puglia, nel quale far rientrare una serie di iniziative volte al recupero delle tradizioni locali così come anche alla ricerca di nuove forme di creatività ed espressione per i giovani. Prende vita l’Associazione Culturale Struktura.

Nel 2004 crea il video “from circus to circus” per il dj napoletano Duccio D’alò e collabora con l’artista Piero Golia per il film “killer shrimps” presentato al festival di Venezia.

Nel 2005 presente alla rassegna TDK dance marathon a Milano con il progetto one minute suite e crea il colettivo vdj Ghost transmission che partecipa ai festival “L’acqua in testa”, “Time Zones” e “Corato film festival”.

Nel 2005 l’associazione Struktura crea MASQUE la prima mostra, convegno e workshop sul fumetto indipendente e d’autore, richiamando a Putignano, nomi di spessore come Filippo Scozzari e Giuseppe Palumbo.

Nel 2006 si svolge la seconda edizione di Masque, offrendo così l’occasione di incontrare due autori di spicco del panorama delle arti visive, dal fumetto, all’illustrazione, dalla pittura all’animazione, come Ale Pop e David Vecchiato, quest’ultimo collaboratore fisso di XL di Repubblica. Qoob è media partner del festival.

Nel 2009, insieme ad altri 3 soci, crea la società Imood di cui Vincenzo è titolare e direttore creativo.

Sempre nel 2009, con altri tre giovani creativi, crea l’associazione culturale Pool, con la quale sviluppa il progetto di magazine culturale, un free press, dedicato ai giovani, completamente gratuito. Un magazine che getta uno sguardo sulla realtà urbana, sugli eventi culturali più interessanti, sui grandi spettacoli e sul turismo culturale, il tutto con un occhio critico, smaliziato e con uno stile fresco e brillante. Un free press che focalizza l’attenzione sulla contaminazione delle arti e lo sviluppo di percorsi alternativi, seguendo il “fil rouge” della cultura attraverso le sue diverse declinazioni. Musica, cinema, letteratura, arti visive e tutto ciò che contribuisce allo sviluppo odierno dell’arte vengono affidati a giornalisti affermati e a firme consolidate del panorama culturale nazionale.
Ad oggi il magazine viene stampato in 20.000 copie e distribuito su rete nazionale, oltre ad essere completamente fruibile su web, con caricamento sulle maggiori piattaforme dei giornali come Issuu e Scribd.

Nel 2011 crea l’App per la Biennale di Venezia sezione Puglia.

Sempre nel 2011 nasce il Distretto Produttivo Puglia Creativa di cui imood e socia.

Nel 2013 viene scelto da Carlo Martino come relatore per i nuovi media alla Sapienza di Roma, insieme a Iaquone-Attilii, Matteo Clemente, Luca De Mata e Lorenza Lei.

Sempre nel 2013 nasce Locus Mood un progetto speciale che unisce la musica classica ed il jazz con suoni elettronici e dub. Le esperienze artistiche e personali di due straordinari interpreti della musica italiana, Mirko Signorile e Marco Messina (fondatore della band 99 Posse), sono arricchite sul palco ed in studio dalle suggestive tessiture di archi del Vertere String Quartet e dei visual di Vincenzo Recchia.

A chiudere il 2013, sempre con l’Associazione Pool, prende il via un nuovo Festival, dall’elevato spessore culturale, un Festival sull’Editoria digitale, in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari, l’Ordine di Giornalisti, i Laboratori dal Basso, l’ARTI, la Regione Puglia, è sua la Direzione Creativa.

Il L.ink Festival analizza il giornalismo e la comunicazione nelle sue varie sfaccettature, incrociando i diversi mestieri che vi gravitano intorno. Dal design, all’illustrazione, per arrivare ai differenti registri di scrittura. Il Festival si tiene presso l’Università degli Studi di Bari, richiamando al suo seguito giornalisti di ordine nazionale e internazionale. La prima edizione ha avuto ospiti del calibro di Francesco Magnocavallo co-founder di Blogo.it, Francesco Piccinini docente di Brand Strategy e Comunicazione presso l’Ecole Superieure de Gestion di Parigi e direttore di Fanpage, Antonino Benincasa docente e designer, Stuart Allan docente di giornalismo presso la School of Media dell’Università di Bournemouth dove dirige il Centre for Journalism and Communication Research, Neil Shea docente di giornalismo presso la Boston University e giornalista e reporter per il National Geographic, Vincino direttore de “Il Male”.

Nel 2014 si è svolta la seconda edizione del L.ink Festival con ospiti Christian Rocca direttore de IL magazine mensile del Sole 24 Ore, Luca Valtorta direttore di XL, Francesco Adinolfi giornalista di Radio Rai 2, Alessio Bertallot conduttore radiofonico e televisivo, Antonio Barrese designer e vincitore di ben tre Compassi D’Oro, Piera Detassis direttrice di Ciak e Gianni Canova giornalista, scrittore e direttore della rivista 8 1/2.

Sempre nel 2014 prende il via un nuovo progetto, un festival di musica e arti visive, nasce SPARKS Festival.

Nel 2015 è direttore creativo di Uappy.

Dal 2017 Vincenzo Recchia è il responsabile della comunicazione del Distretto Produttivo Puglia Creativa.

Attivo nella produzione di video clip e prodotti multimediali, vanta collaborazioni con artisti di fama mondiale come Roni Size, Matmos, Carl Craig, Kruder & Dorfmeister, Motel Connection, Nicola Conte e tanti altri.

Con lo studio imood Vincenzo Recchia  si è occupato  della comunicazione delle seguenti manifestazioni e strutture di spettacolo con cartelloni di caratura nazionale e internazionale:

  • Time Zones Festival (dal 2001 al 2014, ufficio stampa del festival internazionale)
  • Locus Festival (dal 2005 al 2017, direzione creativa, comunicazione e ufficio stampa del festival internazionale)
  • Festival Experimenta (dal 2001 al 2013, ufficio stampa del festival internazionale)
  • Teatro Forma (comunicazione 2010 del teatro e delle rassegne interne)
  • L.ink Festival (2013 e 2014, direzione creativa e artistica, comunicazione, ufficio stampa del festival internazionale)
  • Camerata Musicale Barese (2014, comunicazione della rassegna internazionale)
  • Festival Festival Push Up (2012 e 2014, comunicazione e ufficio stampa del festival nazionale)
  • Festival Pietre che Cantano (2012 e 2013, comunicazione e ufficio stampa)
  • Mavù (dal 2003 al 2013, direzione creativa, comunicazione e ufficio stampa per gli eventi e i festival internazionali)
  • Costa dei Trulli (2012 ufficio stampa per la rassegna nazionale della Provincia di Bari)
  • LOOP Indivisual Festival (2013 e 2014, direzione creativa e artistica, comunicazione, ufficio stampa del festival internazionale)
  • TimeKode Festival (2015, direzione creativa, comunicazione, ufficio stampa del festival internazionale)
  • Bam Festival (2015, direzione creativa, comunicazione, ufficio stampa del festival internazionale)
  • SPAKS Festival (dal 2014 al 2017, comunicazione e ufficio stampa)
  • Transition Festival (dal 2008 al 2014, direzione creativa, comunicazione)
  • Latte Festival (2017, direzione creativa e comunicazione)
  • Baci Festival (2016 e 2017, direzione creativa e comunicazione)
  • Kode_1 (dal 2012 al 2017, direzione creativa e comunicazione)
  • Carnevale di Putignano (2012, direzione creativa, comunicazione e ufficio stampa)
  • Provincia di Bari (realizzazione app multimediale “iBiennale Bari” per promozione degli artisti del territorio in occasione della 54esima edizione della Biennale d’arte di Venezia)
  • Provincia di Bari (comunicazione 2.0 con web app georeferenziata per evento artistico di promozione degli artisti del territorio)